Codice Etico Aziendale

(All. “A” Al Modello Organizzativo 231)

Premessa
B.R.T. SpA (di seguito anche “BRT”, “la società” o “l’azienda”) si occupa della fornitura di tutta la ricambistica per il Gruppo Bonfiglioli, garantendo un servizio puntuale e di altissimo livello, soprattutto nella risoluzione delle problematiche applicative del cliente.
I ricambi, tutti originali Bonfiglioli, sono in 24 ore disponibili in tutta Italia ed in Europa, grazie ad una capacità organizzativa e di gestione oculata del magazzino che mantiene sempre disponibili una notevole quantità di ricambi, riferiti a circa 10.000 codici che normalmente sono prodotti.
Posta in un’area territoriale strategica, la B.R.T. riesce ad ottimizzare il flusso delle spedizioni, facilitando l’invio dei ricambi necessari al perfetto mantenimento dell’alto livello di qualità dei prodotti dell’intero gruppo. Un software efficiente gestisce i flussi e il livello di disponibilità di ciascun articolo, mantenendolo sempre ad un margine di sicurezza, per poter far fronte a qualsiasi richiesta, anche la più improvvisa sia in termini qualitativi che quantitativi.
La B.R.T. rappresenta un esempio di azienda votata all’assistenza post-vendita che è uno dei punti cardine sul quale fonda la capacità di soddisfazione del cliente del GRUPPO BONFIGLIOLI

Vision/Mission
Assistenza post-vendita. Fornitura ricambistica per il Gruppo Bonfiglioli.

Valori
Coerenza. Determinazione. Trasparenza. Spirito di squadra.

1- Soggetti Destinatari e Organi di Controllo

1.1 Soggetti Destinatari
I Soggetti Destinatari di questo Codice Etico sono i membri del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale, i Dirigenti, i Dipendenti, i Collaboratori, i Consulenti, i Fornitori, i Clienti, i Partners, le Controparti in rapporti contrattuali e tutti coloro che, persone fisiche o giuridiche, anche temporaneamente, instaurano rapporti e relazioni con la BRT nel perseguimento di obiettivi comuni.
Ogni Soggetto Destinatario è tenuto a conoscere il Codice Etico ed i suoi principi di riferimento, contribuire attivamente alla sua attuazione in tutte le sue parti e segnalare in forma scritta alla società le eventuali violazioni dei principi in esso contenuti.

1.2 Organi di Controllo
In considerazione delle risultanze dell’analisi dei rischi condotta in azienda ai sensi del d.lgs. 231/01, considerate altresì le dimensioni e le caratteristiche dell’impresa, nel rispetto di quanto previsto dagli artt. 6, c. IV, e 7 del detto decreto, BRT ha deciso di affidare all’organo dirigente il compito di vigilare sul funzionamento e l'osservanza del Modello Organizzativo (MO) adottato e di curarne gli aggiornamenti periodici.
Nell’esercizio di tale funzione, l’organo dirigente si avvale dell’ausilio della funzione qualità interna all’azienda, nel rispetto dei protocolli e delle procedure a ciò predisposti.

Si indicano, di seguito, i riferimenti cui far pervenire:
- eventuali segnalazioni di potenziali o avvenute violazioni del presente Codice Etico;
- eventuali richieste di chiarimenti qualora vi siano dei dubbi sulla conformità dei comportamenti da segnalare a normative o prescrizioni di dubbia o difficile comprensione:
Organo di controllo BRT spa, Via Castagnini, 2-4 (Z.I. Bargellino) 40012 Calderara di Reno (BO) e-mail bongiovanni@bonfiglioli.com

2 - Principi Etici Generali

2.1 Gestione degli affari in generale
Il comportamento nella gestione degli affari da parte dei Soggetti Destinatari deve essere improntato alla massima correttezza, trasparenza , comprensibilità e rispetto della legalità, in modo tale che chiunque abbia rapporti con BRT sia in grado di prendere decisioni autonome e consapevoli dei propri interessi.
Le relazioni commerciali devono essere coerenti con le politiche della società e la sua Mission, visibili ed interpretabili da tutti i Soggetti Destinatari.
Non sono ammesse libere letture o personali interpretazioni delle regole di comportamento del presente Codice Etico nei rapporti d’affari.

2.2 Conflitto d’ interessi
Sono da evitarsi attività che comportino conflitti d’ interessi che potrebbero interferire con la capacità di prendere decisioni imparziali a scapito degli interessi della società.
Nei rapporti con la BRT i Soggetti Destinatari devono agire nel rispetto della legalità e dei valori etici, con divieto assoluto di ricorrere a favoritismi, pratiche di corruzione o collusive per ottenere vantaggi per sé o per gli altri.

2.3 Rispetto delle diversità
BRT non tollera disparità di trattamento, a seconda del sesso, credenza religiosa, cultura di appartenenza, perché ciascun individuo deve essere valutato esclusivamente rispetto al proprio agire all’interno del suo ruolo e mansione.
Tutti coloro che interagiscono con l’azienda devono mantenere un comportamento che sia condiviso e rispettoso della civile convivenza, in ossequio ai principi ispiratori del presente Codice Etico.

2.4 Inibizione del lavoro minorile
La BRT previene lo sfruttamento del lavoro minorile facendo espresso divieto di impiegare nelle proprie attività produttive minori di età inferiore a quella stabilita per l’avviamento al lavoro dalla legge italiana e dalle normative del luogo in cui la prestazione é erogata.
La società vieta altresì ai Soggetti Destinatari di instaurare rapporti d’affari con fornitori che impieghino minori di età inferiore a quella stabilita per l’avviamento al lavoro dalla legge italiana e dalle normative del luogo in cui la prestazione é erogata.

3 - Principi Etici nei confronti di terzi

3.1 Rapporti con le Istituzioni Pubbliche
Le funzioni aziendali espressamente delegate o munite di specifica procura sono autorizzate a rappresentare BRT nelle relazioni con gli interlocutori istituzionali italiani e stranieri, con i quali viene a contatto in ragione dello svolgimento della propria attività.
Tali rapporti devono essere improntati ai principi di imparzialità, trasparenza e correttezza dettati dalla legge e dal Codice Etico, anche al fine di evitare che si verifichino situazioni di conflitto di interessi.
La trasparenza e la correttezza nella gestione dei rapporti con le Istituzioni Pubbliche italiane o estere ha l’obiettivo di garantire che non si verifichino situazioni in cui i Collaboratori della società si trovino a promettere od offrire direttamente o indirettamente denaro o altre utilità ad esponenti delle Autorità Istituzionali al fine di ottenere profitti o vantaggi per sé o per i Soggetti che operano con l’azienda.

3.2 Rapporti con i Mass-Media
Il rapporto con i Mass-Media è fondamentale per trasmettere all’opinione pubblica fatti, dati, attività che contraddistinguono l’operato quotidiano di BRT.
Data la delicatezza del rapporto, questo può essere intrattenuto solamente da chi è espressamente preposto e delegato a questa mansione, nonché dall’organo amministrativo.
I Soggetti Destinatari che, nell’ambito del proprio operato o in nome e per conto della società, siano esposti ad avere rapporti con i Mass-Media, devono preventivamente concordare e/o chiedere alle funzioni preposte autorizzazione espressa sui contenuti degli interventi.
Le informazioni verso l’esterno devono essere comunicate con notizie complete, coerenti, veritiere e trasparenti.

3.3 Rapporti con i Clienti ed i Fornitori
L’obiettivo al quale BRT tende con continuità è la soddisfazione dei bisogni e delle richieste provenienti dalla clientela.
Essa rappresenta la vera ricchezza della società: questa consapevolezza impone la ricerca continua dell’eccellenza nei rapporti con i Clienti, che può essere raggiunta soltanto attraverso il rispetto dei valori etici e delle procedure aziendali che ad essi si ispirano.
I Fornitori sono Partners importanti per l’azienda e con essi BRT deve mantenere rapporti improntati ai principi di correttezza e di lealtà.
I Fornitori devono pertanto essere individuati secondo parametri oggettivi che tengano conto della competenza, del rapporto tra qualità del bene e/o servizio offerto, dell’equità del prezzo nonché del grado di assistenza e condivisione di obiettivi e aspettative aziendali.
Il contratto stipulato con i Fornitori deve basarsi su rapporti di estrema chiarezza e trasparenza, evitando vincoli che comportino una eccessiva forma di prevaricazione o/e dipendenza.
BRT non ammette che i propri Collaboratori offrano o ricevano a/da i fornitori con cui intrattengono rapporti derivanti dall’attività lavorativa, regali od omaggi di alcun tipo che possano in qualche misura influenzare la trasparenza e l’integrità dei rapporti commerciali.
BRT si riserva di verificare che i Fornitori dei quali si avvale operino nel rispetto della legge e del presente Codice Etico.

3.4 Rapporti con i Concorrenti
BRT ritiene che un mercato moderno e libero possa considerarsi tale solo se esiste un grado apprezzabile di concorrenza leale.
I Concorrenti fanno parte del complesso delle variabili che un’azienda evoluta deve contemplare nelle scelte e strategie che andrà a definire per il suo sviluppo. Pertanto, anche questo aspetto va affrontato, mantenendo fermi i principi di riferimento del Codice Etico.
Integrità, correttezza, trasparenza, rispetto delle leggi e vivace competizione sono gli elementi che contraddistinguono l’agire dell’area commerciale della società.
BRT si impegna a rispettare i principi della concorrenza leale sanciti dalle normative nazionali e comunitarie riservandosi di non sottoscrivere accordi con fornitori che possano influenzare o compromettere con il loro comportamento commerciale la libera concorrenza nel mercato in cui opera.

4 - Principi Etici nell’ambito della Corporate Governance

4.1 Trattamento delle informazioni riservate.
Le informazioni riservate relative ai dati, alle strategie, ed agli obiettivi aziendali non devono essere acquisite e divulgate se non da parte delle persone espressamente preposte e delegate a questo compito.
Sono da considerarsi informazioni riservate anche quelle relative ai prodotti, al loro sviluppo, ai processi produttivi, alle strategie ed alle condizioni commerciali, alla clientela, alla partnership, al know-how tecnologico e industriale, alle operazioni finanziarie , ai risultati operativi, agli investimenti, ai progetti ed alla documentazione tecnica,ai piani di marketing, agli elenchi dei Fornitori ed ai prezzi d’acquisto, agli aspetti logistici, alle soluzioni informatiche e a quant’altro faccia parte del patrimonio delle conoscenze per sviluppare il business di BRT.
Le informazioni riservate ed i materiali che i Soggetti Destinatari utilizzano nell’ambito delle proprie attività lavorative sono di proprietà esclusiva di BRT, che ne tutelano la riservatezza e ne rivendicano l’origine.
BRT si impegna a proteggere le informazioni relative ai Soggetti Destinatari, ottemperando sempre alle disposizioni imposte dalla legge sulla privacy ed evitandone usi impropri.

4.2 Trattamento delle informazioni “price sensitive”
Tra le informazioni riservate particolare rilevanza assumono quelle “price sensitive”, ovvero informazioni non di dominio pubblico che, se divulgate, potrebbero influire in modo sensibile sui prezzi.
I Soggetti Destinatari che nell’esercizio della propria funzione abbiano accesso ad informazioni “price sensitive” non possono né divulgarle a soggetti non autorizzati, né usarle a proprio vantaggio personale.
Le comunicazioni di informazioni “price sensitive” ad un destinatario autorizzato devono avvenire attraverso soggetti espressamente delegati a ciò, in conformità alle leggi vigenti e secondo specifiche disposizioni aziendali.

4.3 Informativa contabile e gestionale
Tutte le attività e le azioni svolte nell’ambito delle competenze lavorative di ogni singolo Soggetto Destinatario devono essere verificabili. Si deve ricercare la massima trasparenza contabile, fondata sulla correttezza ed affidabilità delle documentazioni e delle registrazioni contabili effettuate.
Ogni operazione e i diversi gradi di responsabilità di chi ha agito su di essa, per il conseguimento degli obiettivi che l’hanno resa necessaria, deve essere agevolmente ricostruibile.
Nel rispetto dei principi di chiarezza e trasparenza contabile, BRT è attenta a che i rispettivi bilanci d’esercizio e le relazioni ad essi allegate siano redatte secondo
correttezza e veridicità e nell’osservanza delle leggi vigenti in materia di scritture contabili.
Tutti i soggetti coinvolti nella formazione del Bilancio compreso l’organo amministrativo devono agire rappresentando in modo trasparente e veritiero la situazione economica, patrimoniale e finanziaria fornendo agli organi di vigilanza e controllo informazioni complete corrette e veritiere sulla situazione patrimoniale dell’azienda di riferimento.

4.4 Tutela della qualità e dell’immagine aziendale
La qualità e l’efficienza dell’organizzazione aziendale, nonché la buona reputazione della società, costituiscono un patrimonio inestimabile frutto di oltre 15 anni di attività svolta all’insegna della trasparenza e dell’onestà.
Pertanto, la condotta non conforme ai valori etici del presente Codice posta in essere sia pure dal singolo può, di per sé, pregiudicare l’immagine e la reputazione conquistata in Italia e all’estero.
Pertanto, ciascun Soggetto Destinatario del presente Codice é tenuto, con la propria condotta, a contribuire alla salvaguardia di tale patrimonio aziendale ed in particolare alla tutela della buona reputazione della società, sia nei luoghi di lavoro che al di fuori di essi.

4.5 Tutela dei beni aziendali
Ciascun Soggetto Destinatario è direttamente e personalmente responsabile della cura, protezione, efficienza, conservazione dei beni, sia materiali che immateriali, affidategli dall’azienda per svolgere i propri compiti, nonché dell’utilizzo degli stessi in modo proprio e conforme all’interesse aziendale.
E’ vietato l’uso e l’impiego dei beni aziendali non autorizzati per fini personali, siano essi materiali, immateriali affidati ai Soggetti Destinatari per svolgere i compiti professionali. Sono altresì vietate attività non rientranti nelle proprie mansioni, che vengano svolte durante l’orario lavorativo.
È fatto espresso divieto di utilizzare le risorse informatiche per scopi diversi da quelli consentiti dalle politiche di sicurezza aziendale o per porre in essere condotte illecite.
E’ vietato l’utilizzo di software non espressamente autorizzati o privi di licenza o di provenienza illecita.
BRT garantisce il rispetto della proprietà intellettuale propria e altrui, attraverso l’espresso divieto di utilizzazione di tali risorse senza previa autorizzazione formale.

5 - Principi Etici nelle relazioni con il personale

5.1 Imparzialità nella gestione delle Risorse Umane
BRT riconosce ad ogni dipendente un proprio valore distintivo per le sue capacità e potenzialità. Il personale dipendente è considerato una risorsa competitiva nei cui confronti l’azienda è attenta a garantire un ambiente di lavoro che favorisca le condizioni per lo sviluppo sia personale che professionale di ciascuno.
BRT ha il dovere di garantire imparzialità ed equità nella selezione, assunzione, formazione e gestione delle proprie risorse umane, offrendo pari opportunità professionali a tutti i dipendenti vietando condotte che possano apparire discriminatorie nei confronti di altri soggetti.
Tutti coloro che operano in azienda devono essere consapevoli che non esistono né pregiudizi né discriminazione alcuna in merito alle valutazioni dei singoli, in quanto le scelte si basano su criteri di merito.

5.2 Tutela della salute, sicurezza e ambiente di lavoro
BRT ritiene elemento importantissimo la diffusione della cultura della sicurezza.
Essa cerca di ridurre i rischi per l’integrità fisica di tutti i suoi Collaboratori, anche attraverso l’informazione e la formazione quale strumento di responsabilizzazione e garanzia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro nel rispetto delle prescrizioni della normativa applicabile.
BRT si impegna a rispettare e mantenere l’ambiente di lavoro assolutamente compatibile alla tutela della salute dei propri dipendenti, cercando di non creare condizioni di disagio, anche psicologico, contrastando altresì qualsiasi atteggiamento discriminatorio o persecutorio. Le funzioni preposte si attivano affinché le condizioni ambientali siano sempre monitorate e nella norma, nonché conformi alle leggi vigenti in materia, adottando tutti gli strumenti ed i controlli necessari a tal fine.
L’integrità delle risorse umane è per BRT un valore fondamentale: non sono in alcun caso e modo ammesse o tollerate molestie e/o atteggiamenti, sia espliciti che allusivi, che possano anche minimamente turbare la sensibilità, ledere la dignità, il rispetto e l’integrità, sia fisica che psicologica delle risorse umane.

5.3 Tutela dell’ambiente
BRT programma lo sviluppo delle proprie attività valorizzando le risorse naturali con una costante attenzione nel preservare l’ambiente.
La politica ambientale, si basa su un’attività di sensibilizzazione che coinvolge tutti i collaboratori, a partire da comportamenti semplici ma di grande utilità, quali la raccolta differenziata di alcuni materiali (toner, batterie, carta, plastica, ecc.) e l’attenzione al risparmio energetico.

6 - Adozione e aggiornamenti e/o modifiche del Codice Etico

Il presente Codice Etico viene adottato con delibera dell’organo amministrativo in data __________ con efficacia immediata a decorrere da tale data. L’azienda si impegna a portare a conoscenza di tutti i suoi Collaboratori con mezzi efficaci e adeguati allo scopo i principi contenuti nel Codice Etico.
Ogni aggiornamento, modifica od aggiunta al presente Codice Etico costituisce una garanzia della sua effettività e della sua rispondenza ai mutamenti e agli sviluppi del contesto in cui è chiamato a fungere da guida.
Gli aggiornamenti e/o le modifiche allo stesso che dovessero rendersi necessarie devono essere approvate dall’organo amministrativo. E’ compito dell’organo 9 dirigente verificarne l’efficacia e segnalare all’organo amministrativo l’opportunità di procedere ad una sua modifica o aggiornamento.

7 - Violazione del Codice Etico e sistema sanzionatorio

Il Codice Etico deve considerarsi parte integrante delle obbligazioni contrattuali che legano la società con tutti i Soggetti Destinatari.
La violazione e la non applicazione anche parziale del Codice Etico da parte dei Soggetti Destinatari costituisce inadempimento contrattuale e, per i dipendenti, illecito disciplinare, con la conseguente adozione, in tale ultimo caso, delle sanzioni disciplinari proporzionate alla gravità o recidività delle condotte, che potranno comportare anche una richiesta di risarcimento per i danni subiti sia materiali che di immagine dall’azienda e sempre nel rispetto delle disposizioni contenute nei contratti di lavoro applicabili, della disciplina di cui all’art. 7 della Legge 20 maggio 1970 n. 300, nonché di ulteriori norme a tutela dei lavoratori che risultino applicabili nei Paesi di riferimento.
Costituisce motivo sufficiente per la risoluzione del rapporto di collaborazione con la società la mancata applicazione di tutto o parte del Codice Etico, da parte dei Soggetti Destinatari non dipendenti (Consulenti, Fornitori, Partners ecc.).